Cia e la sfida della sostenibilità ambientale: giunta nazionale aperta ad assessori regionali e giornalisti

Il 3 giugno, nel corso della Giunta nazionale di Cia – Agricoltori Italiani, un punto all’odg è stato affrontato aprendo la riunione, in videoconferenza, a tutti gli assessori regionali e ai giornalisti.  Il tema trattato è stato “La sfida della sostenibilità ambientale nell’emergenza Covid-19. Politiche europee, territori e sistemi produttivi”.

L’obiettivo di questa iniziativa, come ha spiegato il Presidente di Cia Nazionale, Dino Scanavino, è stato quello di avviare coi territori un focus sul ruolo dell’agricoltura verso la transizione verde, verso la sfida ambientale dell’Unione europea affinché l’agricoltura sia protagonista di questa nuova visione green del mondo e non la subisca.

La strada tracciata dal Green Deal per un’Europa a neutralità climatica entro il 2050 e affiancata dalle strategie Biodiversità 2030 e Farm to Fork (dal produttore al consumatore) prevedono azioni significative e ambiziose per un equilibrio fra natura, sistemi alimentari e bio.

Il rischio di “subire” questa transizione secondo Cia c’è. “Abbiamo rilevato un fatto grave – ha specificato Scanavino – Lo abbiamo messo in evidenza e ribadito anche in questi giorni al Commissario Ue: l’agricoltura non è presente nei processi di costituzione delle strategie di biodiversità, del Green Deal, del Farm to Fork della Ue e questo non va bene perché l’agricoltura vive strettamente a contatto con l’ambiente, ne è custode, ed è motore della ripartenza economico-sociale delle comunità. Sostenere che l’agricoltura deve essere protagonista in questo percorso non significa, ha precisato Scanavino, difendere strenuamente la produzione contro l’ambiente, ma avere attenzione per le competenze, a partire da chi scrive i documenti.  Fra gli obiettivi Ue per la strategia alla sostenibilità si trovano la riduzione delle superfici coltivate; l’aumento delle aree protette, l’aumento delle foreste e delle aree non produttive; l’aumento dell’agricoltura biologica; la riduzione dell’uso dei fitofarmaci e dei fertilizzanti; l’aumento della produzione. Scanavino ha messo in evidenza che questi obiettivi contrastano fra loro, non tengono conto dei territori e che questo è sintomo di incompetenza. “Il mondo agricolo è pronto a mettere a disposizione di tutti le sue competenze – ha precisato Scanavino – per operare non contro, ma in maniera sinergica per il sistema agroalimentare, per gli agricoltori e le loro famiglie, per le aree rurali, per essere uniti e utili per l’umanità”.

Cia ha messo in evidenza che ci sono risorse molto importanti in campo, alcune con cifre significative, ma mancano indicazioni sugli obiettivi, sui tempi di erogazione e su come sono collocate all’interno del sistema. Tutti passaggi da chiarire.

Gli assessori hanno molto apprezzato l’iniziativa organizzata da Cia. Gli interventi hanno messo in evidenza che bisognerebbe finirla con l’addossare all’agricoltura tutte le colpe per i problemi del mondo; che la difesa dell’ambiente deve essere fatta da parte di tutte le categorie; che bollare i comparti, come quello zootecnico, con pregiudizi che creano una visione distorta non rispetta tutti gli sforzi di miglioramento e innovazione realizzati ed è penalizzante per tutti; che la sostenibilità, oltre che ambientale, deve essere anche economica e oggi più che mai anche sociale; che se non si devono più utilizzare certi prodotti per la difesa delle produzioni bisognerebbe anche avere indicazioni sulle alternative; che bosco e prebosco in molte regioni d’Italia aumentano ogni giorno a causa dell’abbandono della terra da parte degli agricoltori con lo spopolamento, l’isolamento e l’impoverimento di valli, colline e montagne; che bisognerebbe trarre dal bosco un bosco coltivato; che il problema della fauna selvatica è sempre più pressante e i danni sempre maggiori e più difficili da fronteggiare.

C.I.A. EMILIA ROMAGNA – VIA BIGARI 5/2 – 40128 BOLOGNA BO – TEL. 051 6314311 – FAX 051 6314333
C.F. 80094210376 – PEC: amministrazione.er@cia.legalmail.it

Privacy Policy  –  Note legali

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: